Massimo Talarico Artista

Nasce in periferia di una Roma piena di colori nell'autunno del 1969. Studia al Liceo Tecnico Industriale nonostante sin da quegli anni, le sue doti artistiche e la sua curiosità lo avrebbero portato a decidere di seguire studi più vicini alla sua vocazione. Diploma, lavoro, esperienza professionale in campo umanitario e tutto il quotidiano possibile non hanno mai allontanato l'artista dalla passione per il disegno prima, pittura e la fotografia poi.

Grazie a Oberdan Rancitelli, un pittore romano che vedendo i miei quadri per primo, ha usato parole e apprezzamenti capaci di stimolarmi e farmi continuare nel mio fare. Grazie ai consigli e al confronto con il mio amico Architetto Carlo Quaranta. Un ringraziamento di cuore a tutti coloro che credono in questo viaggio e che condividono con me la gioia per la sua realizzazione. Un ringraziamento speciale alla “PASSIONE” … M2, che si alimenta ogni giorno di sentimenti e di bellezza. la stessa che … salverà il mondo.

Il mondo reale, la concretezza del quotidiano, la materia che circonda, offrono allo sguardo di questo artista, linfa vitale che tramite la fotografia digitale smaterializza e cristallizza. Il suo genio, il suo estro e la sua “techne” provocano il cortocircuito capace di restituire tutto questo mondo come artefatto. Ecco la tela, il pennello e il colore diventano strumenti tecnici in grado di ridare corpo e vita a quel quotidiano.

A cura di Giovanni Serra